Formula “Tutto incluso”

Imbarchi singoli o gruppi

Karina Von forell, può imbarcare un massimo di 7 persone più il comandante.
Questi equipaggi possono essere formati da:

Niente cassa comune, cambusa, rimborsi per gasolio

10296645_1541111709484682_5347086525668505326_nbenzina, gas o acqua corrente (anche quella costa cara sui pontili delle isole). Le spese extra sono le bevande alcoliche, dovrete solo comprare il vostro vino preferito e l’eventuale sosta in porto per l’imbarco e lo sbarco altrimenti in porto non ci si va mai.

Lo skipper, ottimo cuoco, vi preparerà colazione, pranzo e cena.

Qualche esempio: Colazione-caffè, latte di riso, frutta o centrifuga preparata sul momento, fette biscottate, miele, marmellata della nonna e magari un omelette con verdure oppure crepes ripiene.10562927_1574279349501251_94064926184744287_n Pranzo- un piatto unico, in genere freddo tipo insalata di rucola selvatica, zenzero, avocado, mandorle, pinoli, cipolla rossa, oppure una pasta corta condita con un pesto di mandorle, capperi, cipolle rosse, oppure del pesce crudo con vicino un guacamole. Cena- un piatto unico caldo tipo un risotto al pesce o alla zucca o un guazzetto di tonno con pomodorini e capperi. Sono solo esempi, almeno tre volte a settimana è assicurato un piatto di pesce fresco appena pescato, se non si pesca si prende in pescheria. A bordo ci sarà sempre qualche dozzina di bottiglie di minerale.

11659468_1586915928237593_6476407708745084077_nPer i vegani o vegetariani saranno preparati succulenti piatti a parte se quel giorno è previsto pesce. Chi ha intolleranze particolari dovrebbe comunicarlo prima dell imbarco. A bordo di Karina sono aboliti cibi spazzatura tipo patatine, bevande gassate, merendine. Un alimentazione sana e leggera insieme al sole, il vento, il sale del mare, il vino buono, la musica buona, le avventure e i paesaggi mozzafiato ci faranno vivere la crociera come un momento per prenderci cura di noi stessi.

I vantaggi del tutto incluso sono molti:

non dovrete caricarvi di pesanti buste della spesa, non dovrete cimentarvi ai fornelli, a meno che non ne abbiate voglia, col rischio di soffrire il mal di mare. Cucinare in barca non è come cucinare a casa, si fa largo uso della pentola a pressione, si cerca di utilizzare meno utensili possibili, si cerca di non creare disordine.


∼ CONSIGLI DI VIAGGIO ∼

– Su diversamente confortevole potete trovare un sunto dello “spirito” con il quale ci accingiamo a salpare.
E’ un modo anche per entrare in sintonia con la filosofia di Kvf e dell’esperienza che vi accingete a intraprendere.


Leggi le novità

:: KVF :: Scheda tecnica

Kvf è una barca nata per regatare nel circuito internazionale IOR con un equipaggio completo; costruita con molta cura e competenza dalla SAI ambrosini in alluminio.

Gli standard di robustezza e durata nel tempo usati erano alti; rispetto ai moderni ocean racer con le poppe enormi ha meno stabilità alle andature portanti tipiche di un giro del mondo sulla fascia tropicale. I vantaggi di partire da uno scafo del genere per ottenere una buona barca giramondo sono i seguenti:

- eccezionale solidità e semplicità dello scafo in alluminio, il materiale non accumula fatica negli anni.

- la quasi totale mancanza di impianti ha scongiurato negli anni, la possibilità di corrosioni galvaniche.

- la manutenzione è ridottissima; in sostanza è una scatola stagna che può resistere anche ad eventuali urti col fondo senza compromettere la sicurezza.

- nonostante sia stata progettata cercando di sfruttare il regolamento IOR al meglio, è una barca ben riuscita, veloce, stabile, emozionante sotto vela e con qualche accorgimento in coperta si può portare in solitario in tutta sicurezza.

- per l'energia dispone di un pannello fotovoltaico da 140w e di un generatore eolico da 400w, batterie servizi al gel da 400 ampere, radar con allarme, quattro gps, due o tre radio vhf, due piloti automatici e un timone a vento di tipo aries, a breve verrà montata una radio ssb con modem pactor per scaricare il meteo e comunicare in alto mare.

L'albero è un tirato ma robusto proctor tre crocette discontinuo con sartie in tondino e fittings custom per la massima versatilità in caso di avarie, tutte le manovre sono state sostituite in dyneema: volando alte e basse, drizze, borose. Tutta l'attrezzatura di coperta è stata completamente smontata, revisionata e rimontata aggiungendo contropiastre di rinforzo dove serviva.

E' stato realizzato un musone in alluminio saldato allo scafo per la linea di ancoraggio decisamente sovradimensionata: ancora principale è una rocna da 25kg, 75m di catena da 10mm e 60m di cima elastica doppia treccia su rullo. Ovviamente sono imbarcate altre ancore, catene e cime di rispetto...

Il motore è un volvo penta 43cv in ottimo stato, l'elica è una max prop tre pale orientabili nuova.
Gli interni dispongono di una sola cabina separata e il resto è aperto con otto posti letto ma con grandi volumi di stivaggio per il cibo e le attrezzature.

E' stato realizzato un serbatoio separato di 150litri solo per l'acqua potabile da riempire con le bottiglie che poi verranno lasciate a terra prima di ogni passaggio.

A bordo ci sono due bombole per brevi immersioni con lo skipper titolare del brevetto cmas più alto: tre stelle che abilità ad accompagnare neofiti.


kvf logo

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: